Campagna ecumenica

Iniziativa per multinazionali responsabili

L’iniziativa per multinazionali responsabili è necessaria

Le violazioni dei diritti umani e i danni all’ambiente commessi dalle multinazionali domiciliate in Svizzera figurano regolarmente sulle prime pagine dei media. Condizioni di lavoro disumane nelle fabbriche tessili, lavoro dei bambini nelle piantagioni di cacao, inquina¬menti causati dallo sfruttamento minerario: è ora di porre fine a queste pratiche inaccettabili e contrarie all’etica. Per questo motivo, un’ampia coalizione di organizzazioni di cooperazione internazionale e di politica di sviluppo, di difesa dell’ambiente e dei diritti umani hanno lanciato l’iniziativa per multinazionali responsabili.

Come funziona l’iniziativa per multinazionali responsabili

Questa iniziativa chiede regole vincolanti affinché le imprese rispettino i diritti umani e l’ambiente, anche nelle loro attività all’estero. La concorrenza economica sarebbe più equa. Perché le numerose imprese svizzere che si comportano già in maniera esemplare dovrebbero infatti essere svantaggiate rispetto a concorrenti senza scrupoli? Il Consiglio federale sottolinea il dovere delle multina¬zionali di rispettare i diritti umani e gli standard ambien¬tali, ma conta solo sulla buona volontà delle imprese. Gli scandali che hanno fatto molto clamore in questi ultimi anni mostrano tuttavia che le iniziative volontarie non bastano. È per questo che il testo dell’iniziativa prevede l’introduzione nella legge di un dovere di diligenza delle imprese, che obbligherebbe le società a verificare se le loro attività all’estero conducano a violazioni dei diritti umani o degli standard ambientali, a prendere misure per rimediarvi e a rendere conto del proprio operato. Se le società infrangono il loro dovere di diligenza, potranno essere portate a rispondere delle loro mancanze davanti ai tribunali svizzeri. I costi finanziari e i danni d’immagine che potrebbero risultarne basterebbero a convincere la maggioranza delle imprese a prendere misure adeguate e ad assumere la loro responsabilità per l’insieme delle loro attività

Perché l'iniziativa è necessaria
2015 Logo KOVI