Denunciare il landgrabbing in veste di giornalista dilettante

Pagna Sopheak Ran, Building Community Voices, Kambodscha, HEKS

«A chi appartiene la terra?» In Cambogia è spesso difficile rispondere a questa domanda. Benché le famiglie contadine cambogiane gestiscano da generazioni i terreni in loro possesso, nella maggior parte dei casi non dispongono di documenti ufficiali che lo attestino.

Ciò causa gravi conflitti, poiché gli investitori sfruttano senza vergogna questa lacuna giuridica per accedere a risorse interessanti quali foreste, corsi d’acqua o zone pescose. Alcune famiglie perdono tutto e non sanno più di cosa vivere. Le autorità volgono gli occhi altrove.

 

Noi non possiamo né vogliamo accettare questa situazione, perciò istruiamo a giornalista dilettante chi si impegna in modo attivo. Ciò consente di dare voce a chi è stato espropriato nelle radio locali e sui social media, mettendo sotto pressione le autorità affinché agiscano contro l’acaparramento delle terre.

– Pagna Sopheak Ran, Building Community Voices, Cambogia, EPER


Cambogia

La corruzione è un problema diffuso. Basta avere denaro e si può ottenere ogni tipo di documento. Questo rende più difficile il nostro impegno contro l’accaparramento delle terre.

«Noi riferiamo il destino delle persone espropriate.

L’istruzione giornalistica ricevuta

ci consente di parlare pubblicamente

delle ingiustizie riscontrate, costringendo così

le autorità e chi investe ad agire.»

Tang Syphasay, giornalista dilettante, Cambogia


 

Sostenga le persone nei nostri progetti

1

Grazie per il suo sostegno

Scelga l'importo desiderato


 

Pane per tutti segue questa via

PARTENZA: PARLARE DEL FURTO DI TERRENI

Le famiglie contadine sono private delle loro superfici coltive a causa dell’accaparramento delle terre: non vogliamo più accettare in silenzio questa ingiustizia.

 

TAPPA 1: DIVENTARE GIORNALISTA DILETTANTE

I partner locali offrono un’istruzione giornalistica di base a giovani uomini e donne, che nelle radio locali e sui social media si impegnano a favore delle persone espropriate.

 

TAPPA 2: ISTRUIRE MEDIATORI E MEDIATRICI DI PACE

Istruiamo mediatori e mediatrici di pace che aiutino a risolvere in modo non violento i conflitti tra popolazione, autorità e investitori.

 

TAPPA 3: CONVINCERE LE AUTORITÀ

Per far sì che le autorità decidano più spesso a favore delle famiglie contadine sono necessari il lavoro sui media e quello di mediatori e mediatrici.

 

META: FERMARE IL FURTO DI TERRENI

Vedere e agire

Altri progetti di Sacrificio Quaresimale, Pane per tutti e Essere solidali

L’importanza di pensare
già oggi al domani

Nuovi metodi di coltivazione permettono di affrontare meglio i cambiamenti climatici.

Di più

L’opposizione di chi non vuole che la sua terra gli sia tolta

Maxi progetti minacciano le foreste e le basi di sussistenza della popolazione.

Di più

Le famiglie contadine si impegnano
per la loro pianta sacra

Le famiglie contadine si oppongono alle pratiche commerciali delle agroindustrie.

Di più